Medicazioni semplici e complesse

HOME Farmaci e Terapie / ARTICOLO

Medicazioni semplici e complesse

EpiCura

Indice

Cos’è una medicazione?

La medicazione è un trattamento infermieristico volto alla rigenerazione di danni ai tessuti dell’apparato tegumentario, che possono essere di natura traumatica, patologica o conseguenza di interventi chirurgici.

Presa in carico dell’assistito

Il paziente che lamenta lesioni cutanee va inserito all’interno di un Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA), basato su un approccio multidisciplinare.

La prima valutazione spetta all’infermiere specializzato in Wound Care (cura delle lesioni cutanee) che, a seconda del caso, sceglierà tra medicazioni semplici e complesse, ma sempre all’interno di un iter collaborativo con gli infermieri territoriali e gli specialisti identificati per la patologia di base.

In tal modo, al paziente verranno garantiti aspetti quali:
– adeguatezza della prescrizione di eventuali visite specialistiche
– continuità terapeutica e assistenziale
– diminuzione delle ospedalizzazioni
– adeguatezza delle medicazioni infermieristiche
– minor rischio di incorrere in infezioni e peggiorare le proprie condizioni di salute

Quanti tipi di medicazioni vi sono?

Gli scopi e, quindi, le tipologie di medicazioni sono di 4 tipi:

  • Preventiva: in questi casi la medicazione ha l’obiettivo di prevenire lesioni che potrebbero accadere in zone sottoposte a frizione o pressione, per esempio nelle persone costrette a un prolungato periodo di immobilità.
  • Di copertura: si potrebbe definire di seconda medicazione, poiché serve più che altro a contenere applicazioni per il risanamento vero e proprio della ferita come unguenti, creme ecc.
  • Protettiva: il fine di questo tipo è principalmente la protezione da contaminazioni esterne o da traumi meccanici, per far si che non vengano alterate le condizioni di guarigione, nel caso, per esempio per ferite di natura chirurgica.
  • Curativa: volta specificatamente a favorire la guarigione, oltre che a proteggere ovviamente da agenti esogeni e traumi.

Le prime due sono relativamente semplici, è quindi possibile che vengano gestite da personale non infermieristico, come l’operatore socio-sanitario su precise indicazioni del medico o dell’infermiere. Le successive invece sono di esclusiva competenza infermieristica.

Anche in riferimento a questa differenziazione le medicazioni si possono raggruppare in 2 gruppi: semplice e complessa o avanzata.

Che differenza c’è fra medicazioni semplici e complesse?

La medicazione semplice viene eseguita su lesioni di lieve entità, che manifestano secrezioni minime che tendenzialmente guariscono alla prima intenzione, cioè rapidamente.

Lesioni come quelle successive a incisioni chirurgiche, eritemi o lesioni da pressione non gravi.

Lacerazioni di questo tipo vengono trattate applicando sulla cute una protezione per proteggere la ferita, favorendone la guarigione.

La medicazione avanzata o complessa, invece, si inserisce all’interno di un percorso di cura più complesso, per modalità di esecuzione e precisione nella valutazione iniziale, per trattare lesioni più gravi.

I materiali utilizzati possono essere di 3 tipi:

  • attivi, cioè agiscono attivamente determinando la buona riuscita della guarigione;
  • passivi, i quali assorbono il liquido che fuoriesce da ferite con infiammazione, il cosiddetto essudato e proteggono l’apertura dagli agenti esterni che danneggerebbero ulteriormente la ferita;
  • interattivi, che regolano il microambiente della lesione.

Non vi è una medicazione che possa coprire tutte le varie fasi di guarigione, è l’infermiere o il medico che valuta il presidio corretto, in base alle condizioni della lesione, è infatti prerogativa fondamentale e necessaria identificarne l’esatta eziologia.

Prima di scegliere tra medicazioni semplici e complesse, l’infermiere è tenuto a valutare il paziente, facendo attenzione al dolore, all’aspetto e alla gravità della lesione.

Quindi, dovrà collocare la ferita nell’opportuna categoria di riferimento:
– scala BWAT, PUSH TOOL, EPUAP/NPUAP per ferite da pressione
– scala WAGNER e TEXAS per lesioni da piede diabetico
– scala LERICHE FONTAINE per lesioni arteriose dell’arto inferiore
– scala START in caso di skin tears (ferite da strappo)
– scala ASEPSIS per ferite e conseguenti medicazioni chirurgiche semplici e complesse

Vale la pena precisare come nel caso di una ferita lacero contusa la medicazione adatta vada individuata dall’operatore, in base alle condizioni del paziente, alla quantità di essudato, alla profondità della lesione, all’aderenza dei due lembi di pelle.

Cos’è la medicazione a piatto?

Le medicazioni a piatto non sono altro che medicazioni semplici, effettuate in caso di ferite pulite, conseguenti a incisioni chirurgiche con secrezione minima e che solitamente guariscono per prima intenzione.

In genere, tali medicazioni infermieristiche vengono eseguite prima delle dimissioni, oppure in seguito a un intervento chirurgico.

Ogni medicazione impone il rispetto di alcuni step preparatori, quali l’igiene delle mani e l’uso dei guanti in lattice; solo in seguito sarà possibile procedere con l’ispezione della ferita, onde controllare la presenza di vesciche, in genere provocate da un eventuale cerotto precedente.

In caso di ferite chirurgiche, è necessario valutare la presenza di gonfiore, rossore ed eventuali zone dolenti.

I cerotti da preferire sono quelli in TNT; da evitare quelli realizzati con materiali plastici, in grado di peggiorare la traspirazione e favorire la creazione di ambienti umidi. La medicazione a piatto serve a:
– limitare il dolore
– evitare l’aumento dei microrganismi
– mantenere un ambiente sterile e asciutto, in modo da limitare la presenza di batteri
– conservare un ambiente adatto alla guarigione
– favorire la successiva rimozione del cerotto

Le medicazioni complesse

Le medicazioni complesse, o avanzate, vengono eseguite ricorrendo a materiali biocompatibili, che interagiscono con la lesione e stimolano una specifica reazione biologica.

L’uso di questi materiali consente di gestire meglio carica batterica, natura e volume dell’essudato, nonché mantenere la giusta idratazione e temperatura della cute che circonda la lesione.

Le medicazioni complesse aiutano anche a proteggere da eventuali infezioni e a rimuovere il tessuto necrotico.

Essendo pensate per assicurare una buona praticità, le medicazioni complesse aiutano il professionista ad attuare una miglior gestione dei cambi e del tempo.

Ma come vengono classificate?
Attualmente, le medicazioni infermieristiche sono classificate secondo i dettami del CND (Classificazione Nazionale Dispositivi), che ne identifica caratteristiche e destinazione d’uso:
– A contenuto salino. Utilizzate in presenza di lesioni con infezione e/o essudato moderato. Non vanno impiegate per le lesioni asciutte e/o con ossa e tendini esposti
– Alginati. Medicazioni composte da fibra di alginato di sodio e calcio, che sciogliendosi formano un gel che mantiene l’ambiente umido. Indicate in caso di lesioni sanguinanti o iper-secernenti, non vanno usate su ferite asciutte o in presenza di abbondante sanguinamento. Vanno sostituite dopo 3-7 giorni
– Idrocolloidi. Medicazioni chirurgiche semplici e complesse, composte da uno strato idrocolloide interno e da uno strato in poliuretano esterno. Servono ad assorbire l’essudato e vanno sostituite dopo 3-7 giorni. Da evitare su lesioni infette e/o con esposizione di tendini, muscoli, etc.
 Carbossimetilcellulosa sodica. Medicazioni usate per ferite secernenti. Vanno sostituite dopo 3-5 giorni
– Gel idrofilo. Medicazioni a base acquosa per ferite necrotiche e/o secche
– Poliuretano. Medicazioni in schiuma o in film, da utilizzare per lesioni con essudato medio o abbondante. Vanno sostituite dopo un massimo di 7 giorni
– Carbone attivo. Medicazioni complesse usate per ferite infette o neoplastiche. Servono principalmente a controllare gli odori
– Collagene animale. Sono reperibili sotto forma di spray, polvere, granuli, placca e pad e sono pensate per le lesioni con cicatrizzazione ritardata. Non vanno usate per ferite essudanti, infette o necrotiche
– Interattive. Medicazioni complesse che interagiscono con la ferita e intervengono nel processo di guarigione, inducendo, in base ai prodotti associati e alla situazione, alla migrazione cellulare, al rilascio di citochine, alla proliferazione cellulare.

Scopo delle medicazioni avanzate

In generale, a prescindere dalla natura della lesione e dal metodo utilizzato, gli obiettivi che si pone lo specialista che utilizza una medicazione saranno:

  • educare il paziente e i familiari nella corretta gestione della lesione e dei comportamenti da adottare;
  • prevenire o trattare un infezione;
  • creare un ambiente umido intorno alla ferita, favorevole per la guarigione;
  • gestire l’essudato della lesione;
  • rimuovere il tessuto devitalizzato, il cosiddetto escara;
  • proteggere la lacerazione da elementi esterni dannosi che potrebbero contaminare la sezione;
  • tutelare la zona anche da danni di traumi meccanici;
  • favorire il processo di guarigione grazie al mantenimento di temperatura, livello di umidità e pH adeguati.

Gli scopi elencati potranno essere perseguiti, a discrezione del medico o dell’infermiere, con una singola medicazione avanzata o con una combinazione di più medicazioni.

Tipologie e caratteristiche delle medicazioni

Come detto, varie sono i tipi di medicazioni tra le quali scegliere, differenti per caratteristiche e quindi per effetti procurati, tra queste:

  • schiume;
  • alginati;
  • medicazioni non aderenti;
  • medicazioni composte;
  • garze impregnate;
  • idrocolloidi;
  • idrofibre;
  • idrogeli;
  • collagene.

Le caratteristiche che distinguono le varie medicazioni fanno riferimento a:

  • adesività;
  • capacità assorbente;
  • capacità idratante;
  • conformabilità.

La combinazione delle varie caratteristiche ovviamente darà vita a precisi risultati ed è su questi che i professionisti, consci delle proprietà e valutata l’eziologia della ferita, si baseranno per effettuare la scelta più opportuna.

Anche per questo è importante affidarsi esclusivamente a personale specializzato, perché deve avere competenze non solo per la valutazione della ferita, ma anche per conoscere esattamente i rimedi più opportuni da applicare.

Quali fattori tenere in considerazione durante la valutazione della lesione

Durante la presa in carico lo specialista tiene conto di vari fattori per soppesare le condizioni della persona, attenzionando anche elementi come dolore, la dieta che segue il paziente e lo stato nutrizionale (se per esempio si è in presenza di persone obese o gravemente sottopeso), l’età, eventuale patologia correlata (come il diabete), oltre all’applicazione di alcune scale di valutazione, in base alla natura della lesione. Per esempio, la scala EPUAP per le lesioni da pressione o ASEPSIS per le ferite chirurgiche.

Nella valutazione chiaramente rientrano l’esamina delle caratteristiche delle ferite come dimensioni, localizzazione, livello di vascolarizzazione della zona, stato della cute, eventuali segni di infezione e quantità e tipo di essudato.

Quando è necessario sostituire le medicazioni?

Ogni quanto tempo vanno sostituite le medicazioni, semplici o complesse che siano?

La frequenza con cui le medicazioni vanno cambiate è quella consigliata dall’infermiere o dal chirurgo; tuttavia, alle sostituzioni programmate si aggiungono quelle straordinarie, necessarie quando la ferita risulta sporca.

Per quanto riguarda la rimozione degli eventuali punti di sutura, le tempistiche variano in relazione alla sede della ferita: generalmente, però, vanno rimossi dopo 14 giorni.

Inoltre, in base alla sede dell’intervento potrebbe essere necessario l’uso di dispositivi medici quali panciere o bende elastiche contenitive per un ulteriore periodo di tempo.

Le ferite chirurgiche che in seguito alla rimozione dei punti non presentano una deiscenza o ulteriori anomalie, sono da definirsi guarite e non necessitano di altre medicazioni.

In cosa ti saranno utili gli infermieri di EpiCura

Gli infermieri di EpiCura sono tutti qualificati e certificati, potrai essere certo di affidarti a personale con esperienza e competenza.

Inoltre il servizio di infermieri a domicilio di EpiCura ti permetterà di evitare spostamenti e attese, poiché i nostri specialisti ti raggiungono ovunque tu voglia, non solo a casa, nel giorno e all’ora che ti è più comoda, anche di sera e nei fine settimana.

In alcuni casi è di fondamentale importanza intervenire a domicilio, come nel caso di decorsi post ospedalieri, in pazienti allettati o in generale per tutti coloro che hanno difficoltà a spostarsi da casa, nei quali anche una richiesta semplice come quella della flebo risulta essere problematica e di difficile gestione. Con EpiCura potrai prenotare online con pochi semplici click o per telefono.

Bibliografia
– https://www.nurse24.it/specializzazioni/medico-geriatrica-pediatria-psichiatria/medicazioni-avanzate-lesioni-cutanee.html
 https://www.nurse24.it/specializzazioni/area-clinica/infermiere-wound-care.html
– https://www.infermieriattivi.it/tecniche-e-tecnologie/4448-la-medicazione-semplice.html#:~:text=La%20medicazione%20semplice%20%C3%A8%20chiamata,riposizionare%20il%20cerotto%20o%20premedicato.

immagine categoria

Infermieri a domicilio

7 giorni su 7, comodamente a casa tua

Prenota ora