Fischio all’orecchio? Potrebbe accadere causa acufeni. Rimedi e cure fisioterapiche per acufene

0
682
fischio all'orecchio? causa acufeni
fischio all'orecchio? causa acufeni

Provi un fischio all’orecchio e non capisci di cosa si tratta? la causa potrebbero essere gli acufeni. Vediamo i sintomi acufeni in questo articolo con l’intervento di Christian Maci, un fisioterapista che opera a Milano per EpiCura.

Cosa sono gli acufeni e in che modo si collegano al fischio all’orecchio?

Possiamo dire che gli acufeni siano un disturbo dell’udito.

Si tratta di un fischio all’orecchio che il paziente riferisce di sentire in assenza di stimoli esterni. 

Ciò significa che questo fischio non è presente nell’ambiente, ma è percepito all’orecchio o alle orecchie di chi soffre di acufeni.

Tutti possono soffrire di acufeni, persino i bambini, ma generalmente l’acufene è un disturbo che si manifesta in età adulta

L’acufene è un disturbo molto particolare, perché può avere cause diverse, che si possono anche risolvere con la fisioterapia

In generale la diagnosi dell’acufene richiede più visite per scoprirne la causa, verificando che non si tratti di un fischio all’orecchio passeggero. 

Gli acufeni, infatti, possono derivare da molte cause, come stimoli interni al corpo.

Nel caso di acufeni curati con la fisioterapia, ad esempio, si va ad agire sulla contrattura dei muscoli della zona cervicale, che possono essere la causa del fischio all’orecchio, dunque una causa interna.

I sintomi dell’acufene sono però sempre gli stessi: un fischio o fruscio costante all’orecchio, più o meno intenso, in un solo lato o in entrambi i lati.

Quali possono essere le cause dell’acufene?

Le cause dell’acufene sono molte e possono anche riguardare patologie mediche sottostanti.

È necessario indagare, attraverso diverse visite specialistiche, per comprendere esattamente da cosa derivi l’insorgenza di questo disturbo. 

Dal punto di vista medico, infatti, possono esserci molteplici cause: l’acufene non è una patologia prettamente fisioterapica, ma può derivare da molti disturbi. 

Per questo è sempre raccomandata un’approfondita indagine diagnostica, da farsi con diversi medici specialisti.

Solitamente il primo punto di riferimento è proprio un medico di medicina generale.

Dal punto di vista della fisioterapia, invece, le cause dell’acufene derivano essenzialmente dalla contrattura dei muscoli cervicali, ad esempio gli scaleni.

Capita molto spesso che chi soffre di disturbi cervicali soffra anche di acufeni, senta questi fischi alle orecchie o persino una sensazione di orecchie ovattate. 

Cervicalgia e acufeni quindi possono essere strettamente collegati.

Quando le cause dell’acufene derivano da contratture dei muscoli, sono i pazienti stessi ad avvertire questa causa. 

Se ne rendono conto perché l’orecchio da cui proviene il disturbo si trova nello stesso lato del collo che fa male, oppure perché sentono il fischio quando i muscoli del collo sono molto rigidi o infiammati.

È possibile che il fischio all’orecchio insorga dallo stress?

Certamente, l’acufene può avere molteplici cause, tra cui anche lo stress

Alcuni studi parlano dell’acufene come conseguenza non solo di patologie mediche, ma anche di disturbi psicologici in un certo senso.

Quindi anche ansia e depressione, ad esempio possono essere causa dell’insorgenza di acufeni. 

Soffrire di dolore cervicale porta inevitabilmente a soffrire di acufene?

No, in realtà questa correlazione non è matematica, tuttavia sicuramente se si soffre di dolori cervicali, soprattutto cronici, è più probabile l’insorgenza di acufene.  

Il collegamento tra cervicalgia e acufene deriva proprio dal collegamento che esiste nel nostro corpo a livello del muscolo sternocleidomastoideo: si tratta di una sorta di “tubo” che collega collo e orecchio. 

Quando questo muscolo è particolarmente contratto, agisce sull’apparato uditivo, e provoca disturbi come l’acufene, e quindi la sensazione di fischi all’orecchio, fruscii e sibili che i pazienti riferiscono. 

Quindi la cervicalgia cronica può essere causa di acufene, ma anche di altri disturbi come vertigini e cefalee.

Le infiammazioni croniche, infatti, agiscono sulle strutture nervose delle prime vertebre, che diventano particolarmente sensibili. 

In questa zona ci sono centri nervosi come quelli dell’udito, dunque ci può essere un potenziale collegamento tra dolore cervicale e acufene.

Esistono dei rimedi per l’acufene o il fischio all’orecchio?

Certamente ci sono dei rimedi per l’acufene ma, per comprendere il miglior trattamento per gli acufeni, è essenziale innanzitutto individuare la causa scatenante

In generale, è innanzitutto necessario fare delle indagini diagnostiche, al fine di individuare la causa scatenante dell’acufene.

Purtroppo, trovare una causa non è sempre facile e spesso, come già detto, sono necessarie varie visite, anche da più specialisti. 

Per quanto riguarda proprio il processo di cura dell’acufene, possiamo dire che il rimedio consiste semplicemente nella rimozione della causa scatenante del disturbo, e quindi di ciò che causa il fischio all’orecchio.

Per curare l’acufene quindi è necessario curare le patologie e rimediare alle cause scatenanti.

Come fisioterapista, ad esempio, il rimedio per l’acufene riguarda l’alleviare le contratture cervicali

Io utilizzo il cosiddetto metodo stecco, un tipo di manipolazione fasciale che va a toccare dei punti specifici capaci di alleviare le contratture. 

Quale può essere una cura per l’acufene?

Le cure per l’acufene, come dicevo, possono essere tante e dipendono principalmente dalla causa scatenante.

Come fisioterapista, la cura per l’acufene consiste nel trattamento delle contratture muscolari che sono causa del disturbo.

Solitamente sono necessarie diverse sedute di fisioterapia per vedere i benefici, ma la fisioterapia può persino rivelarsi un metodo che porta ad escludere determinate cause.

Per spiegarmi meglio, nella difficoltà di trovare una causa scatenante dell’acufene, le sedute di fisioterapia aiutano a comprendere se, ad esempio, l’acufene deriva o no da una contrattura cervicale.

Se il paziente non presenta tale contrattura, si continuano gli esami diagnostici per comprendere la causa e curare il disturbo.

Tuttavia, quando l’acufene deriva da contratture, la fisioterapia è un rimedio assolutamente efficace.

Per esperienza personale, a volte bastano soltanto 3 o 5 sedute di fisioterapia per alleviare e risolvere il disturbo.

Quali soluzioni, a suo avviso, sono efficaci contro l’acufene?

Purtroppo si tratta di un disturbo particolarmente complesso, a cui la scienza deve ancora dare molte risposte. 

Ci sono stati diversi rimedi sperimentali contro l’acufene, persino i farmaci.

Alcuni medici, infatti, nel trattamento dell’acufene consigliano ad esempio l’assunzione di anti-depressivi. 

Però gli anti-depressivi non fanno passare il disturbo, semplicemente chi soffre di acufene tende a soffrire molto di stress, ansia e persino stati depressivi. 

Quindi sicuramente questo aspetto non è da sottovalutare, ed è un modo di tamponare gli effetti psicologici del disturbo sul paziente.

Poi ci sono diverse terapie sperimentali, possiamo dire, ma che non hanno avuto riscontri particolarmente efficaci. 

Parliamo di terapie come la terapia audio, la camera iperbarica o persino le terapie elettromagnetiche

Queste terapie però non hanno altro risultato che l’effetto placebo.

Il rimedio quindi dipende da paziente a paziente, e per essere efficace è necessario che venga compresa il più possibile la causa scatenante dell’acufene

La fisioterapia è un rimedio efficace per combattere l’acufene o il fischio all’orecchio?

Sì assolutamente, si tratta di un ottimo rimedio nel caso in cui gli acufeni derivino da disturbi della zona cervicale

In quel caso l’acufene è perfettamente curabile con diverse sedute di fisioterapia. 

Ma ci possono essere anche casi in cui si deve lavorare sull’articolazione temporo-mandibolare. 

Quando il paziente che soffre di acufene arriva dal fisioterapista, si fanno dei test per capire sia se l’acufene è trattabile a livello fisioterapico sia per capire da dove effettivamente deriva il problema, dunque se dal collo o dalla zona mandibolare

Sono dei test piuttosto semplici che verificano se, attraverso determinati movimenti, il fischio all’orecchio sentito dal paziente si modifica.

Se questo avviene, c’è un’ottima probabilità che si tratti appunto di acufene risolvibile con la fisioterapia.

Oltre alla fisioterapia, ci sono altri rimedi naturali contro l’acufene?

Ci sono, diciamo, delle buone pratiche per migliorare la situazione qualora il disturbo derivi da contratture muscolari.

Purtroppo, se il disturbo deriva da altro, come patologie o disturbi interni dell’orecchio, i rimedi possono essere diversi. 

Innanzitutto, quindi, possiamo dire che il primo rimedio è la prevenzione.

I principali problemi di cervicalgia derivano da comportamenti errati, come posture sbagliate tenute per tanto tempo. 

Dunque bisogna prendersi cura del disturbo cervicale in tutti i suoi principali aspetti, iniziando da stile di vita e movimento

Un esercizio specifico, che aiuta molto nei dolori cervicali, è l’allungamento del collo.

È un esercizio molto semplice, che crea una tensione lieve sui muscoli del collo.

Bisogna allungare questi muscoli, mantenendo questo allungamento per circa 30 secondi e ripetendo diverse volte per lato. 

In cosa consiste, come rimedio per acufene, la terapia fisioterapica?

Come già detto, la terapia fisioterapica si occupa di ridurre la contratture muscolari a livello cervicale

Quindi si agisce in quella zona, con manipolazioni mirate che aiutano ad alleviare e risolvere il disturbo. 

La terapia fisioterapica è in questi casi efficace, ma è importante innanzitutto capire la causa dell’acufene per intervenire al meglio e trovare le migliori cure, che variano da soggetto a soggetto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi il tuo commento qui!
Per favore inserisci il tuo nome qui