Infiammazione del nervo sciatico: sintomi e rimedi per il nervo sciatico infiammato

Adiamo a comprendere i motivi di una patologia molto diffusa, individuando le cause di infiammazione del nervo sciatico e i rimedi per il nervo sciatico infiammato

0
1944
infiammazione del nervo sciatico rimedi per il nervo sciatico infiammato
infiammazione del nervo sciatico rimedi per il nervo sciatico infiammato

Adiamo a comprendere i motivi di una patologia molto diffusa, individuando le cause di infiammazione del nervo sciatico e i rimedi per il nervo sciatico infiammato

Infiammazione del nervo sciatico: generalità

Il nervo sciatico (o ischiatico) è il più lungo del corpo umano; prende origine dal midollo spinale e raggiunge le cosce, innervando tutta l’area posteriore delle gambe. Il termine sciatalgia (o sciatica) è riferito al dolore che può interessare il percorso del nervo, che tende ad irradiarsi dalla parte bassa della schiena (la regione lombare) fino a raggiungere le gambe e i polpacci. In genere, l’infiammazione del nervo sciatico e il dolore associato colpiscono un solo lato del corpo, a volte causando un discreto intorpidimento dell’arto e/o una sensazione di debolezza muscolare. Il 90% dei casi di sciatica è dovuto a ernia del disco, pertanto il disturbo non va considerato una patologia a sé stante, ma un sintomo di un problema legato al nervo stesso. Oltre all’ernia del disco, a provocare l’infiammazione possono contribuire condizioni e patologie come la stenosi spinale, ovvero un restringimento del canale nel quale passa il nervo, e traumi pregressi, come una frattura pelvica. Come detto, la sciatica spesso si manifesta quando la radice del nervo viene compressa all’altezza della regione lombare: ecco spiegato perché l’ernia del disco è la causa principale dell’infiammazione del nervo sciatico. A causare l’ernia possono essere traumi forti o ripetuti, oppure il deterioramento dei dischi lombari, che provocano la fuoriuscita di una sostanza gelatinosa in grado di comprimere la radice del nervo e causare dolore alle gambe e alla schiena. Ma analizziamo le cause di questo disturbo più nello specifico.

Le cause della sciatalgia

Se l’ernia del disco è la causa più frequente, è possibile riconoscere altre condizioni e patologie capaci di provocare la compressione del nervo sciatico. Tra queste ricordiamo:

  • Spondilolistesi, malattia associata alla degenerazione discale, caratterizzata dallo scivolamento delle vertebre con conseguente compressione del nervo sciatico
  • Stenosi foraminale, restringimento patologico compreso tra il tratto sacrale e quello lombare, a livello dei canali entro i quali passano le radici dei nervi spinali
  • Sforzi muscolari. Un affaticamento muscolare o una leggera infiammazione causata da sforzi intensi e ripetuti possono coinvolgere la radice del nervo e causare il dolore tipico della sciatica
  • Tumore spinale, che può interessare il midollo oppure lo spazio compreso tra midollo e vertebre. Crescendo, questi tumori comprimono il midollo spinale e le radici dei nervi
  • Stenosi spinale lombare, che provoca il restringimento del canale vertebrale all’interno del quale è situato il midollo spinale
  • Fratture Sindrome del piriforme, patologia che colpisce il muscolo piriforme, situato nella parte inferiore della colonna vertebrale e connesso al femore, fratture ev. collegate. A causare il disturbo può essere un trauma o una contrattura
  • Gravidanza. Questa causa una compressione del nervo sciatico da parte dell’utero, oltre a un’intensa e costante tensione muscolare, necessaria a sopportare il peso del feto

I fattori di rischio

A causare l’infiammazione del nervo sciatico possono contribuire diversi fattori, quali:

  • Età avanzata. Col passare del tempo, la colonna lombare è soggetta a cambiamenti della forma, che possono predisporre alla comparsa di ernie discali
  • Obesità. Anche questa condizione può alterare la forma naturale della colonna vertebrale ed esporla alla comparsa di ernia del disco
  • Posture scorrette
  • Sedentarietà. Da un punto di vista statistico, le persone che possiedono uno stile di vita sedentario hanno mostrato maggiori possibilità di sviluppare il disturbo
  • Attività pesanti, quali sollevamento pesi o discipline che impongono torsioni frequenti della schiena, sono in grado di favorire la comparsa di ernia del disco
  • Artrite della colonna vertebrale. Infiammazione cronica spesso collegata con la compressione dei nervi spinali
  • Traumi alle natiche, alle gambe e alle cosce, in grado di provocare piccole o gravi lesioni del nervo sciatico
  • Diabete. Questa patologia è in grado di causare il deterioramento dei nervi periferici (neuropatia diabetica), incluso il nervo sciatico

I sintomi dell’infiammazione del nervo sciatico

Più frequentemente monolaterale che bilaterale, l’infiammazione del nervo sciatico può causare, fin dal suo esordio, un dolore fastidioso in una qualsiasi delle aree interessate dal transito del nervo, ovvero: regione lombare, zona posteriore della coscia, glutei e polpacci. Le caratteristiche del dolore variano in base alla causa: alcuni fattori possono produrre una sorta di bruciore acuto e penetrante; altri, invece, determinano un dolore più lieve, che può acutizzarsi improvvisamente, in maniera molto simile a una scossa elettrica. Secondo la maggior parte delle testimonianze offerte dai pazienti, il dolore tende a peggiorare dopo sforzi intensi o in concomitanza con momenti di ansia, tensione e stress. Dopo l’esordio della sintomatologia dolorosa, l’arto dolorante può essere interessato dalla comparsa di altri segnali inequivocabili, tra cui: debolezza muscolare, formicolio, sensazione di intorpidimento, difficoltà di controllo motorio e alterazione della sensibilità cutanea. Tutti sintomi simili a quelli della fibromialgia. Buona parte dei pazienti colpiti da infiammazione del nervo sciatico avverte dolore in un’area (ad esempio, a livello del gluteo o della regione lombare), debolezza in un’altra (gamba) e formicolio in un’altra ancora (polpaccio).

Rimedi per il nervo sciatico infiammato

Nei casi di infiammazione lieve è sufficiente osservare qualche giorno di riposo e, qualora necessario, correggere le abitudini posturali scorrette. Se l’infiammazione dovesse dipendere da cause più rilevanti dal punto di vista clinico e non migliorabili tramite il riposo, allora l’approccio terapeutico potrebbe includere l’assunzione di farmaci, alcune sedute di fisioterapia e/o, nei casi più gravi, l’intervento chirurgico. Ibuprofene, corticosteroidi a somministrazione endovenosa, miorilassanti come il Muscoril, antidepressivi triciclici e anticonvulsivanti, hanno mostrato una certa efficacia nel combattere il dolore neuropatico. Tra i principali rimedi per il nervo sciatico infiammato figura anche la fisioterapia, che consiste nell’applicazione di un programma riabilitativo, costituito da alcuni esercizi in grado di: aumentare la flessibilità della colonna vertebrale e del tronco, rinforzare la muscolatura delle gambe e della schiena (in particolar modo, è necessario lavorare sui muscoli della regione lombare, chiamati a stabilizzare la colonna vertebrale), migliorare e correggere la postura. I professionisti che operano per conto di EpiCura possono pianificare un programma di fisioterapia (anche a domicilio), in grado di lenire il dolore e ridurre l’infiammazione del nervo sciatico. La riabilitazione può aiutare il paziente a recuperare più rapidamente e a prevenire eventuali recidive. Al di là dell’aspetto terapeutico, uno stile di vita attivo caratterizzato da regolare attività fisica è il miglior modo per prevenire disturbi di questo tipo.

Inserisci i tuoi dati, verrai ricontattato al più presto per un preventivo di intervento a domicilio!

Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina https://www.epicuramed.it/privacy-policy/.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi il tuo commento qui!
Per favore inserisci il tuo nome qui