Infiammazione del nervo sciatico: sintomi e rimedi per il nervo sciatico infiammato

Adiamo a comprendere i motivi di una patologia molto diffusa, individuando le cause di infiammazione del nervo sciatico e i rimedi per il nervo sciatico infiammato

0
15828

Adiamo a comprendere i motivi di una patologia molto diffusa, individuando le cause di infiammazione del nervo sciatico, sintomi dell’infiammazione nervo sciatico, i rimedi per il nervo sciatico infiammato.

Il riflessologo e massoterapista Fabrizio, che opera su Torino e provincia, ci parlerà del suo lavoro ed approfondirà con noi le tematiche del massaggio decontratturante e dell’infiammazione del nervo sciatico.

Infiammazione del nervo sciatico: generalità

Il nervo sciatico (o ischiatico) è il più lungo del corpo umano.

Prende origine dal midollo spinale e raggiunge le cosce, innervando tutta l’area posteriore delle gambe.

Il termine sciatalgia (o sciatica) è riferito al dolore che può interessare il percorso del nervo, che tende ad irradiarsi dalla parte bassa della schiena (la regione lombare) fino a raggiungere le gambe e i polpacci.

In genere, l’infiammazione del nervo sciatico e il dolore associato colpiscono un solo lato del corpo, a volte causando un discreto intorpidimento dell’arto e/o una sensazione di debolezza muscolare.

Il 90% dei casi di sciatica è dovuto a ernia del disco, pertanto il disturbo non va considerato una patologia a sé stante, ma un sintomo di un problema legato al nervo stesso.

Oltre all’ernia del disco, a provocare l’infiammazione possono contribuire condizioni e patologie come la stenosi spinale, ovvero un restringimento del canale nel quale passa il nervo, e traumi pregressi, come una frattura pelvica.

Come detto, la sciatica spesso si manifesta quando la radice del nervo viene compressa all’altezza della regione lombare.

Ecco spiegato perché l’ernia del disco è la causa principale dell’infiammazione del nervo sciatico.

A causare l’ernia possono essere traumi forti o ripetuti, oppure il deterioramento dei dischi lombari, che provocano la fuoriuscita di una sostanza gelatinosa in grado di comprimere la radice del nervo e causare dolore alle gambe e alla schiena.

Ma analizziamo le cause di questo disturbo più nello specifico.

A cosa si deve l’infiammazione del nervo sciatico

Ecco cosa ci dice Fabrizio:

L’infiammazione del nervo sciatico può avere origine psicosomatica o strutturale (le ernie fra cui in particolare L5 ed S1 e l’assottigliamento delle vertebre sono le cause principali).

Quando l’infiammazione causa dolore sopportabile in aree come la schiena o la natica il dolore si può alleviare in poche sedute mentre si presentano problemi maggiori quando sono presenti ernie e dolore inguinale.

In questo caso il paziente si tratta con manovre diverse e meno invasive e di conseguenza è necessario più tempo per sfiammare il nervo sciatico.

Il nervo sciatico è il nervo più lungo e grosso che abbiamo e può provocare dolori abbastanza forti, che possono estendersi come dolori per tutta la gamba, fino all’alluce del piede nei casi più gravi.

In questi casi interviene la fisioterapia.

Le cause delle infiammazioni nervo sciatico

Se l’ernia del disco è la causa più frequente, è possibile riconoscere altre condizioni e patologie capaci di provocare la compressione del nervo sciatico. Tra queste ricordiamo:

  • Spondilolistesi, malattia associata alla degenerazione discale, caratterizzata dallo scivolamento delle vertebre con conseguente compressione del nervo sciatico
  • Stenosi foraminale, restringimento patologico compreso tra il tratto sacrale e quello lombare, a livello dei canali entro i quali passano le radici dei nervi spinali
  • Sforzi muscolari. Un affaticamento muscolare o una leggera infiammazione causata da sforzi intensi e ripetuti possono coinvolgere la radice del nervo e causare il dolore tipico della sciatica
  • Tumore spinale, che può interessare il midollo oppure lo spazio compreso tra midollo e vertebre. Crescendo, questi tumori comprimono il midollo spinale e le radici dei nervi
  • Stenosi spinale lombare, che provoca il restringimento del canale vertebrale all’interno del quale è situato il midollo spinale
  • Fratture Sindrome del piriforme, patologia che colpisce il muscolo piriforme, situato nella parte inferiore della colonna vertebrale e connesso al femore, fratture eventualmente collegate.
    A causare il disturbo può essere un trauma o una contrattura.
  • Gravidanza. Questa causa una compressione del nervo sciatico da parte dell’utero, oltre a un’intensa e costante tensione muscolare, necessaria a sopportare il peso del feto

-Quali sono i consigli di un massaggiatore a Torino sulla prevenzione dell’infiammazione del nervo sciatico?

È opportuno prestare attenzione ai movimenti quotidiani: alzarsi di scatto dal letto, ad esempio, è una delle cause di infiammazione del nervo sciatico più comuni.

Spesso sottovalutiamo l’impatto delle nostre abitudini sul nostro corpo mentre dovremmo prestare più attenzione alle sue richieste.

Ogni tanto è bene stiracchiarsi, oppure restare seduti per un po’ prima di alzarsi dal letto ad esempio.

Può essere utile fare esercizi di stretching a terra per prevenire infiammazioni, la ginnastica leggera è sempre consigliata mentre la sedentarietà è sconsigliata.

Per preservare la salute e mantenere il corpo giovane il movimento è molto importante (ed io ne so qualcosa vista la mia età e il lavoro di massaggiatore a Torino che faccio). 

I fattori di rischio

A causare l’infiammazione del nervo sciatico possono contribuire diversi fattori, quali:

  • Età avanzata. Col passare del tempo, la colonna lombare è soggetta a cambiamenti della forma, che possono predisporre alla comparsa di ernie discali
  • Obesità. Anche questa condizione può alterare la forma naturale della colonna vertebrale ed esporla alla comparsa di ernia del disco
  • Posture scorrette
  • Sedentarietà. Da un punto di vista statistico, le persone che possiedono uno stile di vita sedentario hanno mostrato maggiori possibilità di sviluppare il disturbo
  • Attività pesanti, quali sollevamento pesi o discipline che impongono torsioni frequenti della schiena, sono in grado di favorire la comparsa di ernia del disco
  • Artrite della colonna vertebrale. Infiammazione cronica spesso collegata con la compressione dei nervi spinali
  • Traumi alle natiche, alle gambe e alle cosce, in grado di provocare piccole o gravi lesioni del nervo sciatico
  • Diabete. Questa patologia è in grado di causare il deterioramento dei nervi periferici (neuropatia diabetica), incluso il nervo sciatico

I sintomi dell’infiammazione del nervo sciatico

Più frequentemente monolaterale che bilaterale, l’infiammazione del nervo sciatico può causare, fin dal suo esordio, un dolore fastidioso in una qualsiasi delle aree interessate dal transito del nervo.

Queste aree sono: regione lombare, zona posteriore della coscia, glutei e polpacci.

Le caratteristiche del dolore variano in base alla causa.

Alcuni fattori possono produrre una sorta di bruciore acuto e penetrante.

Altri, invece, determinano un dolore più lieve, che può acutizzarsi improvvisamente, in maniera molto simile a una scossa elettrica.

Secondo la maggior parte delle testimonianze offerte dai pazienti, il dolore tende a peggiorare dopo sforzi intensi o in concomitanza con momenti di ansia, tensione e stress.

Dopo l’esordio della sintomatologia dolorosa, l’arto dolorante può essere interessato dalla comparsa di altri segnali inequivocabili.

Alcuni di questi sono debolezza muscolare, formicolio, sensazione di intorpidimento, difficoltà di controllo motorio e alterazione della sensibilità cutanea.

Tutti sintomi simili a quelli della fibromialgia.

Buona parte dei pazienti colpiti da infiammazione del nervo sciatico avverte dolore in un’area (ad esempio, a livello del gluteo o della regione lombare), debolezza in un’altra (gamba) e formicolio in un’altra ancora (polpaccio).

Rimedi per il nervo sciatico infiammato

Nei casi di infiammazione lieve è sufficiente osservare qualche giorno di riposo e, qualora necessario, correggere le abitudini posturali scorrette.

Se l’infiammazione dovesse dipendere da cause più rilevanti dal punto di vista clinico e non migliorabili tramite il riposo, allora l’approccio terapeutico potrebbe includere l’assunzione di farmaci e fisioterapia.

Nei casi più gravi è necessario l’intervento chirurgico.

Ibuprofene, corticosteroidi a somministrazione endovenosa, miorilassanti come il Muscoril, antidepressivi triciclici e anticonvulsivanti, hanno mostrato una certa efficacia nel combattere il dolore neuropatico.

Tra i principali rimedi per il nervo sciatico infiammato figura anche la fisioterapia, che consiste nell’applicazione di un programma riabilitativo.

Questo è costituito da alcuni esercizi in grado di aumentare la flessibilità della colonna vertebrale e del tronco e rinforzare la muscolatura delle gambe e della schiena.

In particolar modo, è necessario lavorare sui muscoli della regione lombare, chiamati a stabilizzare la colonna vertebrale.

La fisioterapia permette inoltre di migliorare e correggere la postura.

I professionisti EpiCura possono pianificare un programma di fisioterapia (anche a domicilio), in grado di lenire il dolore e ridurre l’infiammazione del nervo sciatico.

La riabilitazione può aiutare il paziente a recuperare più rapidamente e a prevenire eventuali recidive.

Al di là dell’aspetto terapeutico, uno stile di vita attivo caratterizzato da regolare attività fisica è il miglior modo per prevenire disturbi di questo tipo.

Di cosa si occupa Fabrizio, massofisioterapista esperto, in particolare?

Con la riflessologia e lo shiatsu trattiamo a 360 gradi qualsiasi tipo di disturbo muscolare.

L’obiettivo è far stare meglio le persone, anche quando si parla di malattie quali Parkinson e Alzheimer, alleviando i disturbi causati da queste malattie.

Ad esempio per alleviare le problematiche legate al Parkinson utilizziamo la riflessologia plantare agendo su tutto il corpo per diminuire, anche solo momentaneamente, il tremore.

In casi abbastanza gravi, le reazioni al massaggio sono comunque molto soggettive.

Così come avviene in medicina con l’assunzione di un farmaco, la riflessologia può avere effetti maggiori o minori in base alla persona che riceve il massaggio.

Il discorso della soggettività si estende comunque a tutto il campo della cura della persona.

La vita movimentata che si conduce oggi, in una città come Torino, che comporta accumuli di stress e tossine, ha contribuito ad aumentare la richiesta di questi trattamenti volta allo smaltimento di “scorie” pesanti per il corpo e la mente.

Quali sono gli interventi più richiesti?

Gli interventi più richiesti ad un massaggiatore a Torino sono quelli derivanti da problemi di stress.

Proprio da questo derivano infatti conseguenze come insonnia, mal di stomaco, problemi cervicali, lombosciatalgie che a volte hanno anche origine psicosomatica.

Il supporto della musica, del colore delle luci e di alcuni profumi mi aiuta molto in ciò per sciogliere i blocchi energetici presenti.

Molti clienti di Torino che si rivolgono a me hanno anche problematiche legate alle ernie

Fabrizio massaggiatore a Torino_massaggio decontratturante e dell’infiammazione del nervo sciatico
Fabrizio massaggiatore a Torino_massaggio decontratturante e dell’infiammazione del nervo sciatico

Come ti rendi conto dell’efficacia di un massaggio mentre esegui il trattamento, quali rimedi per il nervo sciatico infiammato?  

Nel caso della riflessologia noi facciamo un accertamento del livello energetico e dopo qualche trattamento percepiamo l’effetto positivo del massaggio ripetendo questo accertamento.

Se riscontriamo un calo del dolore nei punti che andiamo a toccare significa che il trattamento sta comportando miglioramenti della salute del paziente a livello generale. 

In casi diversi, come ad esempio quello del massaggio decontratturante, percepiamo immediatamente il miglioramento perché la contrattura si sente al tatto.

Per quanto riguarda i rimedi per il nervo sciatico infiammato si trova giovamento ma il percorso è un po’ più lungo perché si devono analizzare le cause affinché si riscontri l’efficacia del massaggio.

Parliamo di contratture e massaggio decontratturante: quanto sono frequenti le richieste per il massaggio decontratturante? Come ci si comporta con una contrattura e quali sono le cause?

Il massaggio decontratturante è molto richiesto e si esegue quando il rachide cervicale o il muscolo del trapezio o i paravertebrali sono molto contratti.

Nei casi più eclatanti si verificano anche disturbi come vertigini, mal di testa, capogiri e nausea.

Le principali cause delle contratture comprendono la mancanza di un’adeguata e costante quantità di movimento, l’inadeguato riscaldamento, i problemi posturali e muscolari ed in fine stress e tensioni emotive.

Le manovre effettuate nel caso di una contrattura comprendono pressioni decise perché è necessario andare ad agire ad un livello muscolare più profondo.

Lavorare nel settore interessato per più di 15 minuti di solito è sconsigliato perché si rischia di acuire il dolore e di conseguenza è necessario attendere prima di proseguire il massaggio per sciogliere la contrattura.

I rimedi per il nervo sciatico infiammato non sono banali e richiedono tempo.

Nel caso in cui la contrattura sia particolarmente grave, ovvero infiammazioni nervo sciatico, il medico prescriverà farmaci miorilassanti ad hoc.

Questi possono avere effetti collaterali come ipotonia, astenia, vertigini, disturbi gastrointestinali e del sonno ma che vanno comunque assunti in caso di prescrizione medica.

Magari seguiti da un infermiere a Torino.

È importante che le istruzioni degli ottimi medici di Torino vengano sempre seguite: riflessologia e massaggi non si sostituiscono assolutamente alla medicina tradizionale ma anzi la completano. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi il tuo commento qui!
Per favore inserisci il tuo nome qui