Mal di schiena lombare e pancia gonfia

22
57935
Mal di schiena lombare e pancia gonfia
Mal di schiena lombare e pancia gonfia

Mal di schiena e pancia gonfia: può essere sintomo della diverticolite

Talvolta, la diverticolite può causare mal di schiena, sintomo che non è semplice associare a questa patologia.

Ma cos’è la diverticolite?

I diverticoli sono estroflessioni presenti nella mucosa del colon (da cui il termine colite), che possono formare piccole sacche.

Qualsiasi settore dell’intestino può essere interessato dalla presenza dei diverticoli, ma è il colon la parte in cui la loro presenza è più comune.

In genere, si parla di diverticolite quando queste formazioni si infiammano, creando disturbi funzionali e digestivi: le tipiche sensazioni che associano mal di schiena lombare e pancia gonfia.

Sebbene i sintomi tipici della malattia includano dolori addominali (localizzati soprattutto nel fianco sinistro), meteorismo, alternanza tra diarrea e stitichezza, febbre e, più raramente, complicanze emorragiche (sanguinamento intestinale), di tanto in tanto può comparire anche il mal di schiena, spesso dipeso dall’irradiazione dorsale del dolore addominale.

Ciò non deve stupire, in quanto l’intestino, essendo a stretto contatto con la colonna vertebrale, può sortire un impatto negativo sui muscoli che la sorreggono, i quali tendono a contrarsi più del dovuto.

Inoltre, l’intestino è collegato a un organo noto come mesentere, direttamente connesso alle strutture muscolo-scheletriche (congiunge l’intestino, in particolare il tenue, alla parete posteriore dell’addome): pertanto, è possibile che un disturbo intestinale possa avere ripercussioni anche sulla schiena.

Mal di schiena sintomo della diverticolite

Problemi alla schiena e colite: un rapporto più stretto di ciò che si pensa

A volte, il mal di schiena lombare può dipendere da un altro problema le cui origini sono completamente diverse.

A scatenare i tipici disturbi da mal di schiena lombare, infatti, può essere la sindrome del colon irritabile, nota anche come colite, una patologia che si manifesta attraverso forti dolori addominali, i quali tendono ad irradiarsi verso i muscoli della schiena.

Insomma, mal di schiena lombare e pancia gonfia sembrerebbero proprio essere due facce della stessa medaglia, nonostante inizialmente possa essere difficile immaginare un collegamento tra le due cose.

In realtà, è possibile definire tali disturbi uno il riflesso dell’altro, considerato che l’infiammazione del colon si manifesta attraverso spasmi, gonfiore e fitte dolorose, che tendono a propagarsi attraverso la cintura addominale e a raggiungere l’area lombare.

Attraverso la diagnosi medica, il paziente scoprirà che questo tipo di mal di schiena non è causato da alcun trauma pregresso e nemmeno da particolari difetti di postura o dalla classica ernia del disco, sebbene tali problemi possano comunque sovrapporsi al dolore causato dalla colite, peggiorando ulteriormente la situazione.

Andiamo a vedere nel dettaglio i vari sintomi e cause, salvo rimandare ad un articolo specifico il ruolo della fisioterapia per il trattamento del mal di schiena.

Sintomi e cause della sindrome dell’intestino irritabile

Considerato che non si tratta di un mal di schiena primario, per alleviare i sintomi della sindrome del colon irritabile bisognerà agire anche sulla causa scatenante, sebbene alcuni trattamenti fisioterapici possano aiutare a migliorare sensibilmente le condizioni del paziente.

Ma cos’è la colite e a cosa è dovuta?

La sindrome dell’intestino irritabile, più comunemente detta colite, è la più benigna delle malattie infiammatorie a carico dell’intestino, ma non per questo i suoi sintomi risultano meno fastidiosi.

La sintomatologia comprende crampi addominali, gonfiore, stipsi, alternanza tra episodi di stitichezza e di diarrea, difficoltà a digerire talune classi di alimenti, eventuali tracce di sangue nelle feci e alitosi.

Tali disturbi possono essere innescati da:

– intolleranze alimentari non riconosciute, magari insorte all’improvviso;

– condizioni di forte stress (l’ansia è una delle cause psicosomatiche di colite più diffuse);

alimentazione errata;

scarsa attività fisica;

abuso di farmaci;

– terapia antibiotica prolungata.

I fattori appena elencati possono causare un’infiammazione dolorosa della mucosa del colon, in grado di ridurre le normali capacità di assorbimento dei villi intestinali, con conseguente rischio di malassorbimento dei nutrienti.

Curare la colite e lenire i sintomi da pancia gonfia

Per curare questo particolare disturbo ed alleviare i suoi fastidiosi sintomi, la soluzione migliore resta agire sulla causa scatenante. Ecco alcuni consigli delle nostre nutrizioniste in termini di diete:

In presenza di allergie o intolleranze, basterà eliminare gli alimenti che causano l’infiammazione, oppure modificare eventuali cure farmacologiche che hanno dato vita ad evidenti effetti collaterali.

Tuttavia, nella maggior parte dei casi la colite tende a cronicizzarsi, recidivando soprattutto durante i momenti di stress.

Ecco, quindi, alcuni consigli utili per alleviare i sintomi da pancia gonfia, compresi i fastidiosi crampi addominali e le tipiche fitte dolorose che tendono ad irradiarsi nell’area lombare e, a volte, in tutta la regione dorsale.

Chi è affetto da colite dovrebbe evitare, o quanto meno ridurre, il consumo di latticini (eccezion fatta per lo yogurt, ricco di fermenti lattici), prodotti da forno lievitati, zuccheri raffinati, alimenti fritti, cibi affumicati, bevande gassate, alcolici e gomme da masticare.

Sarebbe invece opportuno optare per alimenti come il riso, le patate lesse, le verdure stufate, la frutta con bassi livelli di acidità, le carni bianche ed il pesce, possibilmente cotti al forno o al vapore.

In questo modo sarà più facile lenire i sintomi causati dalla colite e, di conseguenza, i tipici disturbi da mal di schiena lombare.

Il collegamento tra mal di schiena lombare e pancia gonfia

Schiena e intestino risultano intimamente collegati da molti elementi, sia anatomici che funzionali, pertanto tendono ad influenzarsi a vicenda.

Innanzitutto, tra la regione intestinale e quella lombare sussiste un collegamento puramente anatomico, essendo le due aree molto vicine.

L’intera struttura intestinale, dal tenue al colon, è in contatto con la colonna vertebrale e con i muscoli che la proteggono.

È facile, quindi, intuire come un’irritazione cronica dell’intestino possa sortire effetti negativi sulla muscolatura dorsale, condizionandone la posizione e aumentandone la rigidità.

Mal di schiena lombare e pancia gonfia, pertanto, sono due condizioni strettamente legate, da cui dipende la sofferenza di un muscolo in particolare, l’ileo-psoas, che è quello più vicino all’intestino.

Lo psoas flette, adduce ed extraruota la coscia e inclina e flette il tronco.

Non bisogna dimenticare, inoltre, che qualsiasi cosa siamo soliti mangiare tende ad influenzare la qualità dei tessuti, soprattutto nel medio e lungo periodo.

Se l’intestino non assimila a dovere ciò di cui il paziente si nutre, muscoli e tessuti non verranno supportati adeguatamente e tenderanno a perdere tono.

Fisioterapia per il mal di schiena lombare

Il muscolo ileo-psoas è certamente quello più interessato dai problemi intestinali.

Questo muscolo, quando è in perfetta forma, garantisce un’ottima funzionalità della colonna lombare.

Pertanto, sarà necessario averne cura ed affidarsi ad un fisioterapista esperto, in grado di consigliare esercizi di stretching utili ad alleviare eventuali disturbi, ma soprattutto idonei a prevenire future ricadute.

Tra le terapie in uso risultano assolutamente valide:

– gli infrarossi

– la tecar-terapia

 – il laser ad alta intensità

– la terapia manuale.

Soprattutto quest’ultima, riguardante gli interventi mirati effettuati dal fisioterapista, si mostra in grado di migliorare il movimento articolare e ristabilire l’equilibrio muscolo-articolare, che nella maggior parte dei casi tende a peggiorare proprio a causa del dolore intenso.

Fisioterapista e osteopata provvederanno ad un’anamnesi del problema, individuandone l’origine e le cause, quindi sceglieranno la terapia più adatta all’età e alle condizioni del paziente.

L’obiettivo principale di un iter di questo tipo è favorire il recupero dell’elasticità della colonna vertebrale e ridurre l’infiammazione, il dolore e la rigidità muscolare.

La fisioterapia per il mal di schiena lombare serve a ripristinare le naturali capacità fisiche del paziente e a migliorarne lo stato di salute e benessere.

Il trattamento non si esaurisce con la manipolazione effettuata dal professionista, poiché il fisioterapista o l’osteopata provvederanno ad assegnare a ciascun paziente alcuni esercizi da eseguire a casa, in modo da incrementare l’elasticità della schiena ed evitare pericolose ricadute.


Bibliografia

  • https://losethebackpain.com/diverticulitis-low-back-pain/
  • https://www.sciencedirect.com/topics/medicine-and-dentistry/mesentery

22 COMMENTI

  1. Non so che pensare. ..Ho mal di schiena lombare..crampi alla pancia. ..E dolore in zona ovarica. ..E seni gonfi e dolenti al tatto. ..Non capisco…Qualche opinione?

  2. Sintomi come quelli da tutti voi descritti sono comuni a molti disturbi e una diagnosi con così poche informazioni potrebbe essere non corretta. Contattate subito uno specialista, non sottovalutate i segnali che vi fornisce il corpo!

  3. buongiorno
    Ho letto articolo molto interessante
    vorrei gentilmente sapere se un ernia del disco che ho su L4 L5 potrebbe essere la causa dell’azione gonfio
    Grazie
    Monica V

    • Ciao Monica, felici di esserti d’aiuto. Come hai avuto modo di leggere esiste una correlazione fra i due disturbi, tuttavia non conoscendo la tua storia clinica e senza visita non possiamo dirti con certezza qual è la causa corretta.

      Ti consigliamo di contattare subito uno specialista. In bocca al lupo.

    • Ciao Marco, è un disturbo che lamentano molte persone. La correlazione come vedi esiste, hai già consultato uno specialista? Molti hanno trovato la soluzione nella fisioterapia.

  4. salve gentile ho il colon irritabile ,colite che va e viene ,ormai da anni ho visitato parecchi specialisti gastroenterologí e medicinale da una vita ….faccio da sempre attività motoria danza stretching e ho visitato il fisioterapista per un dolore fondo schiena mi a detto che viene dal intestino…cosa devo fare?….grazie mille

    • Buongiorno Jenny,

      i disturbi che lamenti sono molto simili a quelli trattati in questo articolo. Tuttavia, per avere una risposta certa, comprenderai che è necessario affidarsi a un esperto per una visita e una diagnosi. Nel caso ti fosse necessario abbiamo una rete di medici e fisioterapisti domiciliari.

      Buona fortuna!

  5. Buongiorno a tutti

    Anch’io dolore forte alla pancia e molta nausa unita al gonfiore, ultimamente il dolore è passato anche alla schiena
    Il gastrointerologo mi ha fatto fare esame di feci e del sangue per escludere la celiachia ed è tutto negativo però purtroppo il malessere persiste…

    Fisserò un ulteriore incontro; c’è un esame specifico per riscontrare questo disturbo?

    Grazie mille

    • Buongiorno,

      è un problema che lamentano molte persone, la correlazione tra i due tipi di dolore esiste, per quanto possa sembrare strano visto che interessano due aree differenti. In realtà tale connessione è facilmente spiegabile anche solo osservando la vicinanza della posizione delle parti interessate, un disturbo che può provenire da problemi intestinali e infiammazioni che interessano poi anche la struttura muscolare e ossea.
      Non possiamo ovviamente suggerire cure o fare valutazioni senza conoscere la storia clinica e avere una valutazione di uno specialista.
      Se il problema persiste e la causa non è legata all’area di competenza del gastroenterologo potrebbe essere frutto di una disfunzione legata all’ambito fisioterapico.
      Molti dei nostri utenti hanno infatti trovato una soluzione o comunque, nel breve periodo, alleviato i dolori proprio rivolgendosi alla fisioterapia.

      Nel caso servisse EpiCura conta su una rete di fisioterapisti che vengono direttamente a domicilio, 7 giorni su 7, nelle principali città italiane e paesi limitrofi. Può chiamare il numero verde gratuito 800 909 209 per informazioni.

      Buona giornata e buona guarigione
      Il team di EpiCura

  6. Buonasera mio figlio ha 11 anni da qualche giorno lamenta dolore al basso ventre che spesse si sposta fino all’ombelico e dolore alla schiena soprattutto di sera e durante la notte. Un paio do volte ha anche vomitato. Cosa posso fare per evitare di andasr in ambulatorio o on ospedale in questo periodo di allarme per il coronavirus?

    • Ciao Antonietta,

      hai sentito il tuo pediatra? Hai perfettamente ragione in questo momento è altamente sconsigliato recarsi in ambulatori. Nel caso servisse possiamo metterti in contatto con uno dei nostri pediatri. Clicca qui > http://www.epicuramed.it/pediatra-teleconsulto/o chiamaci al numero verde gratuito 800 909 209.

      Buona giornata
      Il team di EpiCura

  7. Buonasera sono Imma sono intolleranza al lattosio qualsiasi cosa che mangio si gonfia l addome e dolori alla schiena cosa mi consiglia ?

    • Buongiorno Immacolata,

      ha consultato un medico per accertare l’intolleranza? Bisogna avere un ben preciso quadro per definire una dieta che possa non solo individuare i cibi da eliminare o limitare ma, soprattutto, i cibi che possano rimpiazzare l’apporto nutritivo di quelli che non vengono più consumati.
      Se interessata, abbiamo la disponibilità di nutrizionisti a domicilio, in studio o per consulti telefonici ogni giorno all’ora da lei definita. Ci può contattare al numero verde gratuito 800 909 209.

      Buona giornata
      Il team di EpiCura

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi il tuo commento qui!
Per favore inserisci il tuo nome qui