Esercizi di Kegel per uomini giovani e anziani. Il parere del fisioterapista

0
1165
Esercizi di Kegel per uomini giovani e anziani. Il parere del fisioterapista
Esercizi di Kegel per uomini giovani e anziani. Il parere del fisioterapista

Esercizi di Kegel per gli uomini: a cosa servono e quanto sono utili?

Nonostante siano stati ideati durante la prima metà del Novecento, negli ultimi tempi gli esercizi di Kegel stanno vivendo una notevole riscoperta, dovuta soprattutto alla loro utilità e all’attenzione crescente di medici e fisioterapisti. Questo tipo di ginnastica, la cui valenza è riconosciuta a livello scientifico, ha l’obiettivo di curare differenti disturbi causati dal graduale indebolimento del pavimento pelvico. Tali disturbi riguardano la incontinenza urinaria ed alcuni problemi relativi alla sfera sessuale, tra cui anorgasmia nelle donne e disfunzione erettile ed eiaculazione precoce negli uomini. Abbiamo trattato degli esercizi di Kegel per donne settimana scorsa, ora invece concentriamoci sugli esercizi di Kegel per uomini.

Gli esercizi di Kegel per uomini consistono in contrazioni volontarie dei muscoli del pavimento pelvico, ovvero l’area terminale della cavità addominale, che sostiene gli organi genitali, il retto, la vescica e l’uretra. Il muscolo più importante di questo distretto è il pubo-coccigeo, capace di regolare il flusso urinario e le contrazioni provocate durante la stimolazione sessuale e l’orgasmo. Sono tanti i fattori in grado di ridurre le funzionalità del muscolo pubo-coccigeo, primi fra tutti l’obesità e gli sforzi ripetuti.

La tecnica di base degli Esercizi di Kegel per uomini

Negli anni Quaranta del XX secolo, il ginecologo americano Arnold Kegel mise a punto una serie di movimenti ripetuti che costituiscono la soluzione più semplice e immediata per risolvere o tenere sotto controllo eventuali disturbi a carico della regione perineale. Tali disturbi possono colpire uomini appartenenti a qualsiasi fascia d’età. Gli esercizi di Kegel possono essere eseguiti ovunque e in qualsiasi momento della giornata; non creano nessun imbarazzo e sono utilissimi nel restituire il tono perduto ai muscoli che costituiscono il pavimento pelvico. La tecnica suggerita da medici e fisioterapisti può essere attuata soltanto dopo il completo svuotamento della vescica il rischio in cui si incorre contravvenendo a tale condizione è che gli effetti ottenuti siano opposti a quelli sperati, se hai dubbi:

Innanzitutto, è necessario individuare il muscolo pubo-coccigeo: per farlo, può essere d’aiuto provare ad interrompere il flusso urinario per pochi attimi durante la minzione. La contrazione effettuata indicherà l’esatta posizione del muscolo pubo-coccigeo. La ginnastica di Kegel consiste nel contrarre i muscoli del pavimento pelvico per 5-10 secondi, quindi nel rilasciarli e rilassarli per lo stesso numero di secondi. È necessario eseguire dieci ripetizioni totali, che possono essere portate a termine tre o quattro volte durante il corso della giornata. Durante l’esecuzione di questi movimenti è fondamentale rilassarsi e restare concentrati sulla respirazione. È altrettanto importante non esagerare e svolgere la propria routine sotto stretta osservazione di un medico o di un fisioterapista, anche a domicilio. Dolori o fastidi sono segnali che suggeriscono la necessità di interrompere immediatamente tale pratica.

Gli esercizi di Kegel: consigli ed accortezze

Chi prova ad eseguire la ginnastica di Kegel, inizialmente tende a contrarre anche i muscoli più vicini al pubo-coccigeo, tra cui l’addome e quelli che circondano l’ano. Tuttavia, col passare del tempo e affidandosi alle istruzioni di un fisioterapista con la giusta esperienza, sarà possibile acquisire una maggior dimestichezza ed isolare correttamente il muscolo pubo-coccigeo. Da un punto di vista strettamente medico, gli esercizi di Kegel sono utilissimi ad ogni età, nonostante di tanto in tanto possano causare alcuni effetti indesiderati. Proprio per il motivo appena espresso, prima di effettuare questo genere di attività, è consigliato rivolgersi a uno specialista, in modo da capire se la ginnastica di Kegel possa apportare benefici apprezzabili in relazione alla patologia o al disturbo di cui si soffre. È opportuno affidarsi ai consigli di uno specialista soprattutto in caso di incontinenza: contrazioni eseguite in maniera scorretta, infatti, possono contribuire a ridurre ancor di più la capacità della vescica e, con essa, la regolazione del flusso urinario. Alla lunga, potrebbero risentirne anche l’erezione e l’eiaculazione.

Il ruolo degli esercizi di Kegel in relazione ai problemi degli uomini in giovane età

Una delle disfunzioni più diffuse tra quelle riscontrate nei più giovani è l’eiaculazione precoce. Per capire meglio quali siano gli effetti positivi degli esercizi di Kegel in relazione a questo problema è necessario partire da una breve considerazione di carattere anatomico: i muscoli e i legamenti che costituiscono il pavimento pelvico ricoprono un ruolo fondamentale sia nel provocare che nel prolungare l’erezione. Inoltre, hanno un ruolo attivo anche durante l’eiaculazione. Ecco spiegati i motivi per cui gli esercizi di Kegel possono garantire un notevole giovamento a tutti coloro che hanno a che fare con disturbi della sfera sessuale. Se effettuati in giovane età e combinati con una terapia tesa a curare un problema abbastanza diffuso come l’eiaculazione precoce, gli esercizi di Kegel hanno un grado di efficacia molto elevato, pari al 60% dei casi. E i primi miglioramenti sono apprezzabili già a partire dalle prime due o tre settimane. Per risultati ottimali, che includono la risoluzione o l’attenuazione del problema, è necessario attendere almeno tre o quattro mesi. In base ai risultati di una ricerca svolta da un gruppo di andrologi dell’Università degli Studi di Milano, un trattamento fisioterapico dei muscoli pelvici può sortire effetti benefici evidenti, soprattutto in soggetti giovani colpiti da disturbi direttamente legati a un indebolimento del pavimento pelvico.

Il ruolo della ginnastica di Kegel nella terza età

Gli effetti positivi degli esercizi di Kegel sono tanti e accuratamente descritti da un’ampia letteratura medica. Nello specifico, la ginnastica di Kegel risulta particolarmente efficace nella cura e nella prevenzione dell’incontinenza urinaria, un disturbo tanto fastidioso quanto diffuso, soprattutto nei pazienti che hanno superato gli 80 anni d’età. Questa problematica influenza in maniera negativa la qualità della vita di coloro che ne soffrono e di chi è solito prendersene cura, i quali possono trarre giovamento dalle indicazioni e dal supporto costante di professionisti come quelli che operano per conto di EpiCura. Numerosi studi indicano come l’epidemiologia dell’incontinenza urinaria superi il 25% della popolazione maschile oltre gli 80 anni. In questo caso, gli esercizi di Kegel costituiscono lo step iniziale della terapia, tesa a rieducare e a ripristinare le funzionalità dei muscoli che costituiscono il pavimento pelvico. Muscoli pelvici in buona salute possono favorire un netto miglioramento delle funzionalità di vescica, sfintere urinario e intestino. Qualora tali esercizi non dovessero bastare a risolvere il disturbo in questione, allora l’intervento chirurgico potrebbe costituire la soluzione migliore.


Richiedi il parere di un Fisioterapista.

Inserisci i tuoi dati, verrai ricontattato nei prossimi 15 minuti!

Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina https://www.epicuramed.it/privacy-policy/.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi il tuo commento qui!
Per favore inserisci il tuo nome qui