Bulimia e binge eating

0
31
bulimia e binge eating -Foto di Free-Photos da Pixabay
bulimia e binge eating -Foto di Free-Photos da Pixabay

In questo terzo incontro con la dott.ssa Trento, nutrizionista che collabora con Epicura, trattiamo di due tematice specifiche: la bulimia e il meno conosciuto binge eating.

Cosa significa abbuffata bulimica? Cos’è il binge eating? andiamo a vederli nel dettaglio.


Qual è invece la definizione di bulimia?

Nella bulimia c’è un susseguirsi di comportamenti peculiari, definiti crisi bulimiche o abbuffate, dove si assume in poco tempo un’enorme quantità di cibo a cui seguono subito dopo dei comportamenti compensatori, come l’assunzione di lassativi o il vomito auto-indotto.

Anche qui, come nell’anoressia, c’è la costante voglia di dimagrire e la paura del proprio peso corporeo.

I soggetti bulimici, a differenza di quelli anoressici, magari sono normopeso o persino sovrappeso, ma ciò non significa che siano soggetti meno a rischio.

Chi soffre di bulimia, infatti, magari proprio perché continua a vedersi normopeso o sovrappeso, mette in atto crisi bulimiche anche molto violente.

È da sottolineare, inoltre, che il vomito autoindotto rovina l’esofago e lo predispone a dolori alla schiena e tumori.

Cosa significa abbuffata bulimica? Come si definisce?

Quello che caratterizza un’abbuffata bulimica è il fatto di essere ricorrente, e che dunque capita almeno una volta a settimana per tre mesi (questo è il criterio diagnostico minimo che la definisce).

Inoltre, nelle abbuffate bulimiche c’è un’assunzione di cibo eccessiva, con un’alternanza indiscriminata di dolce e salato.

In particolare, i soggetti bulimici prediligono i cibi di cui si sono privati in fase restrittiva, come alimenti molto calorici o grassi.

Nelle crisi bulimiche c’è una vera e propria perdita di controllo, dove non si è in grado di fermarsi e darsi un contegno.

Tendenzialmente ci si ferma solo di fronte a una sensazione netta di malessere, come forte nausea o dolore addominale.


Qual è invece la definizione di binge eating? Di cosa si tratta?

Il binge eating disorder è una sorta di bulimia nervosa senza metodi di compenso, dunque dove, dopo l’abbuffata, non c’è l’assunzione di lassativi o il vomito auto-indotto (per lo meno, non in modo particolarmente frequente).

Questo disturbo alimentare è stato categorizzato solo di recente anche se in realtà è molto comune.

Il binge eating può avere origine, ad esempio, nel periodo adolescenziale dove il desiderio di perdere peso porta a fare delle diete restrittive.

Magari si fa una dieta ipocalorica autogestita, che non dà i risultati sperati, e si tende quindi a lasciarsi andare alla frustrazione.

Questo può causare dei meccanismi mentali per la quale si cade nel rischio di abbuffate compulsive, instaurando questo disturbo.

Chi pratica binge eating, infatti, è sovrappeso o obeso.

teleconsulto medico
teleconsulto medico

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi il tuo commento qui!
Per favore inserisci il tuo nome qui