fbpx

Osteopatia Pediatrica

Quali disturbi cura l’osteopatia pediatrica

Alcuni fattori possono agire in maniera negativa sulla salute del neonato: posizioni non comuni del bambino all’interno dell’utero, induzione, travagli lunghi e faticosi, presentazione podalica, parto gemellare, uso di ossitocina, anestesia epidurale ecc. tutti fattori che possono comportare delle disfunzioni trattabili dall’osteopatia, come:

–          Difficoltà nella suzione;

–          Plagiocefalie o asimmetrie craniche;

–          Infezioni all’apparato respiratorio (ad esempio asma, infezioni delle vie respiratorie, allergie);

–          Coliche;

–          Disturbi all’apparato digerente;

–          Reflussi gastroesofagei;

–          Irrequietezza o sovra-eccitamento;

–          Ritardi nello sviluppo;

–          Infezioni al naso;

–          Infezioni alle orecchie;

–          Insonnia;

–          Problemi alle ghiandole lacrimali;

–          Disfunzioni all’apparato muscolo-scheletrico;

–          Problemi ortodontici.

In tutti questi casi l’osteopatia per neonati risulta essere uno strumento risolutivo efficace, non alternativo ma sicuramente complementare al percorso medico.


Cos’è l’osteopatia pediatrica?

L’osteopatia pediatrica o neonatale è una specializzazione, successiva al percorso base di formazione osteopatica, che si incentra sulla cura e la prevenzione di problematiche in età pediatrica. Una specializzazione ad hoc poiché il neonato o il bambino non può essere definito come un “adulto in miniatura”, ma sono persone con proprie specificità e con un percorso evolutivo completamente differente rispetto a un adulto.

Veloce, semplice e soprattutto flessibile.Avevo urgentemente bisogno di un osteopata. Non solo me ne hanno trovato uno…

Geplaatst door Elena Del Santo op Maandag 22 januari 2018

Osteopatia neonatale e osteopatia per bambini: qual è la differenza?

È importante monitorare il bambino durante il primo anno di crescita, poiché in questo arco temporale si pongono le basi per lo sviluppo strutturale del bambino: in questo modo si potranno risolvere eventuali problemi per il neonato e prevenire disfunzioni future, legate a problemi dell’età evolutiva. È importante infatti distinguere l’osteopatia pediatrica e neonatale da quella per bambini in età scolare, proprio perché durante il primo anno di età alcune strutture anatomiche, come le suture craniche, cambiano funzione e caratteristiche, mentre i trattamenti effettuati sui bambini più grandi si sviluppano insieme al bambino, avvicinandosi sempre di più ai trattamenti riservati agli adulti e intervenendo su altri tipi di disturbi.

Quali tecniche vengono utilizzate?

Sono molte le tecniche osteopatiche, tutte specifiche per la cura o la prevenzione di particolari problemi, tra le più importanti vi sono:

–          tecniche strutturali

–          tecniche viscerali

–          tecniche miofasciali

–          tecniche funzionali

Anche se la più usata nell’osteopatia pediatrica rimane la tecnica cranio-sacrale, la quale come già accennato, attraverso leggere pressioni su punti specifici, stimola la capacità intrinseca di auto-guarigione dell’organismo, con evidenti miglioramenti già dopo alcuni giorni dal trattamento.

Cosa fa l’osteopata pediatrico?

L’osteopata neonatale si prende cura del bambino in maniera integrata, considerandolo non solo fisicamente, ma un tutt’uno: viene posta l’attenzione anche su emozioni, storia e psiche.

La prima visita sarà incentrata quasi esclusivamente nella valutazione delle condizioni del bambino, di modo da fornire un quadro completo della situazione del neonato.

Verrà valutata la storia clinica, a partire dal parto. Generalmente verrà chiesto di togliere gli indumenti al bambino in modo da poter eseguire meglio movimenti e palpazioni per identificare tensioni lungo il corpo o punti deboli, prendendo in esame soprattutto gli aspetti neurologici e comportamentali, l’apparato scheletrico e muscolare.

La prima visita e i futuri trattamenti hanno una durata di circa un’ora. Dopo un’accurata anamnesi, verrà tracciato un percorso osteopatico, in base al problema individuato e alla storia clinica del piccolo paziente.

Nel caso siano stati effettuati esami (del sangue, risonanze, radiografie ecc.) è opportuno che vengano fatti visionare all’osteopata pediatrico.

Le reazioni al trattamento da parte del piccolo assistito sono variabili: potrebbe essere soggetto a un profondo rilassamento o a vivace energia.  

In cosa ti saranno utili gli osteopati neonatali di EpiCura?

La nostra rete di osteopati per neonati specializzati è disponibile a prendere in cura i vostri bambini, direttamente all’interno del comfort di casa.

Come spiegato, soprattutto durante le prime settimane di vita, è importante intervenire tempestivamente sul neonato, senza dover aspettare liste d’attesa e doversi spostare dalla propria abitazione.

I nostri osteopati ti aiuteranno non solo nel risolvere i problemi del bambino, ma anche nella comprensione dei suoi bisogni, evitando eventuali successivi danni.

Sarai tu a decidere tempi e luogo del trattamento osteopatico, senza doverti più preoccupare di null’altro.