Gestione stomie

Infermieri a domicilio 7 giorni su 7

Infermieri con esperienza nella gestione di stomie
Intervento entro 24, anche in orari serali
Prestazioni coperte da assicurazione

Scrivici per maggiori informazioni

Le recensioni dei nostri pazienti

Gestione stomie

Cos'è la stomia?

La stomia (dal greco stoma, ossia bocca) è un’apertura nel corpo creata chirurgicamente per permettere l’evacuazione dell’intestino danneggiato. In base alla posizione dell’apertura si distinguono differenti tipi di stomie: urostomia, ilestomia e colostomia.

Un’ulteriore classificazione delle stomie può essere fatta sulla base della durata di utilizzo, se temporanea - ossia se definita in un arco temporale e quindi utilizzata per il tempo necessario alla guarigione del tratto di intestino compromesso - o definitiva.

In Italia si contano oltre 70.000 pazienti portatori di stomia. Il numero più alto di stomie è rappresentato dalle colostomie (55%), seguito da ileostomie (31%) e urostomie (14%).

Quando si ricorre alla stomia?

Tali procedure sono eseguite successivamente a operazioni chirurgiche demolitive per la cura di:

  • colite necrotizzante;
  • diverticoliti;
  • tumore della vescica;
  • malattie infiammatorie dell'intestino;
  • occlusioni e perforazioni;
  • megacolon;
  • anomalie congenite;
  • cancro del colon-retto.

Quali tipologie di stomia esistono?

Come detto, vi sono 3 tipi differenti di stomie, vediamole nel dettaglio:

Urostomia è spesso utilizzata nei casi di rimozione della vescica. L’urostomia consiste infatti in un canale, creato chirurgicamente, all’interno del quale far passare l’urina, la quale verrà raccolta in una sacca esterna.

Ileostomia è un’apertura, a livello di intestino tenue (detto anche ileo), per l’espulsione delle feci.

Colostomia è un condotto creato chirurgicamente a livello dell’intestino crasso, per deviare il flusso delle feci.

Tutti i tipi di stomie sono ulteriormente diversificati in base all’esatta posizione in cui avviene l’apertura, in dipendenza dalla quale verrà seguita una precisa procedura infermieristica e di recupero, soprattutto nelle prime settimane. Rivolgiti sempre a un medico o un infermiere per qualunque informazione su come gestire la stomia, successivamente a un intervento.

Qual è il ruolo dell’infermiere durante la gestione della stomia?

Il paziente stomizzato ha bisogno di un’assistenza non solo successiva all’intervento, ma anche precedente. Assistenza che non riguarda meramente il supporto infermieristico in senso stretto, ma anche assistenza emotiva.

Sarà compito dell’infermiere educare e informare il paziente su tutto ciò che concerne la stomia, la gestione e la vita da stomizzato. Le persone stomizzate non sono invalide, ma uomini e donne con bisogni fisiologici differenti ma gestibili.

È importante che il professionista sanitario informi e coinvolga anche la famiglia – i cosiddetti caregiver – elemento fondamentale nel processo di cura.

In questo EpiCura ti aiuta: il nostro servizio di infermieri a domicilio infatti dona non solo il supporto fondamentale e qualificato dei nostri specialisti e la comodità di cure in casa personalizzate, ma anche un supporto per la famiglia.
Oltre a questo non secondario compito, è dovere dell’infermiere, ovviamente, aiutare l’assistito nelle funzioni quotidiane di gestione della stomia.

Quali sono i rischi successivi all’intervento di stomizzazione?

Vi è la possibilità che, successivamente all’intervento in cui viene praticata la stomia, come per qualunque intervento, sopraggiungano complicazioni, sia dovute a errori durante l’operazione sia alla cattiva gestione delle stomie.

In questo particolare caso i rischi a cui si può andare incontro sono:

  • edema; 
  • emorragia intra e peristomale;
  • ischemia e necrosi;
  • lesioni cutanee;
  • ascessi peristomali;
  • retrazione;
  • occlusione dello stoma, con concomitanti nausea e dolori addominali;
  • disidratazione, soprattutto nei casi si stomie a livello di intestino crasso;
  • prolasso stomale;
  • infiammazione dello stoma;
  • ernia parastomale.

È importantissimo affidarsi sempre a personale qualificato, soprattutto in casi come questi vista la delicatezza della condizione del paziente e il rischio elevato di complicazioni.

In cosa ti saranno utili gli infermieri di EpiCura?

La nostra rete di infermieri qualificati è disponibile a gestire stomie a domicilio, direttamente all’interno del comfort di casa tua.

Soprattutto durante le prime settimane è necessario un aiuto in casa per il paziente stomizzato, supporto che, nella maggioranza dei casi, è particolarmente specifico, quindi non facilmente gestibile da parte della famiglia.

I nostri infermieri a domicilio ti aiuteranno non solo nella gestione della stomia, evitando il rischio di possibili peggioramenti, ma ti guideranno verso l’autonomia, possibile nei pazienti stomizzati.

Inoltre gli specialisti ti informeranno e ti guideranno riguardo la gestione dell’igiene, la sostituzione delle sacche di raccolta, la dieta da seguire, la somministrazione della terapia farmacologica e la conoscenza generale della stomia, così da poter riconoscere eventuali problemi che potrebbero sopraggiungere successivamente.

Il servizio di gestione delle stomie a domicilio è disponibile per tutte le fasce d’età e personalizzata sulla base della tua situazione, in questo modo non dovrai spostarti da casa e sarai tu a decidere come organizzare l’assistenza, senza preoccupazioni.

PrenotaRichiedi informazioni
Perché scegliere EpiCura?

  • Personale certificiato
  • Referente dedicato
  • Piani di assistenza personalizzabili
  • Prezzi accessibili
  • Interventi tempestivi
  • Prestazioni coperte da assicurazione

EpiCura S.r.l. • Corso Carlo e Nello Rosselli 91, 10129 Torino (TO) • P.Iva 11744440014 • © 2018 - Tutti i diritti riservati